L'illusione del controllo

Scritto da Evk. Postato in Facebook

Scrivendo un romanzo mi sono reso conto di quanto sia illusorio il concetto secondo il quale lo scrittore ha il controllo di quanto scrive. Almeno per me non è affatto così.

Ma forse è lo stesso concetto di "controllo" ad essere illusorio. Noi abbiamo forse il totale controllo delle nostre vite? O del nostro corpo? È una questione di sfumature.
Il controllo, secondo lo zen, 
è l'equilibrio fra la nostra volontà, i nostri desideri, i nostri progetti e quel sistema dinamico iper-complesso che ci circonda chiamato Universo.

Quando si presenta il cosiddetto blocco dello scrittore?

Nel mio caso, quando non sono abbastanza rilassato per *ascoltare*. La stessa cosa mi capita anche quando compongo. Le parole, come le note, si presentano come parte di uno scritto, o di una partitura, già esistente. Tanto che quando vado poi a rileggere talvolta rimango stupito: "davvero l'ho scritto io?" 
Per fortuna, gli stupori in positivo sono la maggioranza. Questo fa di me un bravo scrittore? 
Beh, per essere sincero, spero proprio di sì.



Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn