Realtà e Fantasia

Scritto da Evk. Postato in Facebook

…già li sento pontificare.
"Se non parla di cose reali, tangibili, non è vera arte"

Cara signora / signore, forse il secolo a cavallo del 1900 ti ha fatto dimenticare che le più grandi opere letterarie del passato sono, in gran parte dei casi, opere fantastiche?

E poi cosa vuole dire "realismo"? Forse che una storia, poniamo, di fantascienza non può parlare di esseri umani reali, di reali sentimenti anche se in situazioni immaginarie? Il "realismo" può essere un potente pennello in mano ad un grande autore, ma può anche diventare una gabbia, impedendoci di vedere "oltre" la visione ristretta del quotidiano.

Nota bene, la *visione* ristretta: perché il nostro quotidiano è tutt'altro che ristretto. 

Siamo noi che lo banalizziamo, che non siamo più capaci di cogliere il meraviglioso che ci circonda in ogni angolo. Siamo noi che costruiamo le sbarre delle nostre gabbie.
Ecco allora che la buona narrativa fantastica diventa un grimaldello per uscire dalle nostre prigioni, per aprire la nostra visione, per riscoprire il "sense of wonder" anche nella vita di tutti i giorni.


E non scordiamoci che tutte le grandi scoperte scientifiche nascono… dall'immaginazione dei ricercatori.



Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn