Le case cantanti

Scritto da Evk. Postato in Facebook

(Il Muto) Arrivò dal suo ospite in tempo per l'ora del tè.

La villa, isolata al centro di un ampio podere in parte coltivato a lino e cicoria, in parte coperto da un bosco ben tenuto di querce e olmi secolari, fondeva l'architettura rurale tradizionale con le ultime soluzioni tecnologiche per l'efficienza energetica e la difesa dai tornado, che negli ultimi decenni avevano spazzato l'Europa Centrale con sempre maggiore frequenza.

Con la capacità di adattamento che gli era propria, la popolazione si era organizzata prima con i rifugi sotterranei, poi con le strutture di rinforzo in Mevlar, un polimero bio-sintetico che fondeva le proprietà dell'acciaio con quelle della tela di ragno, per impedire il cedimento strutturale delle abitazioni. Il risultato estetico era un bizzarro miscuglio, non sempre spiacevole, fra la semplicità delle antiche abitazioni dai tetti rossi particolarmente spioventi e strani castelli techno-fantasy agganciati al terreno da innumerevoli cordicelle.

Poiché quando c'era vento forte le corde tendevano a vibrare, dopo anni di studio erano stati messi a punto dei sistemi di accordatura dinamica che avevano reso giustamente famose le «case cantanti» delle pianure nord-europee.

Era stato riconosciuto già da un paio di chilometri di distanza e trovò il cancello di ingresso aperto, così come il portone di casa. Parcheggiò il suo mezzo al riparo di una grande quercia alta come una casa di undici piani e dal tronco di almeno 4 metri di diametro, quindi percorse a piedi il vialetto che si snodava fra numerose aiuole piene di tulipani gialli e rossi. 

Un enorme gatto, anch'esso rossiccio, lo osservava placido da una sedia a sdraio vicino all'ingresso. Accortosi che faceva le fusa, il Muto si fermò qualche secondo per carezzarlo.
- Ti sono sempre piaciuti gli animali, Lucas.
(...)

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn