Eva

Scritto da Evk. Postato in Facebook

Tanti buoni ingredienti, qualche cliché di troppo
  • C'è il robot maggiordomo che ricorda molto Robin Willams ne "L'Uomo Bicentenario".
  • C'è lo studio dell'intelligenza emotiva e un discreto sense of wonder.
  • C'è un'ottima computer-grafica, molto creativa.
  • C'è una tecnologia fantascientifica resa normale, accettabile, in un mondo molto simile al nostro (forse un po' troppo, le auto stile anni 90 con i motori elettrici stonano un poco).
  • C'è una ragazzina di una bravura recitativa tale da lasciare un poco in ombra gli adulti.

Passiamo ai cliché

  • Ci sono gli scienziati incredibilmente intelligenti e creativi che si comportano come ragazzini immaturi nelle relazioni umane. Anzi, come dei perfetti idioti. L'attegguamento del protagonista in certi momenti ispira allo scrivente una reazione violenta: e questi sarebbero esperti di intelligenza emotiva?
  • La problematica centrale, ovvero la coscienza artificiale, viene trattata come una semplice somma di parti (qui c'è il modulo dell'aggressività, qui quello dell'orgoglio). Una tale semplificazione, già superata negli studi attuali, porta quello che dovrebbe essere il tema centrale… in periferia.
  • La soluzione è la rinuncia, del tipo "meglio che l'uomo non giochi a fare Dio." Molto anni 50, ottima come pistolotto finale nel "Pianeta Proibito", ma ne è passata d'acqua sotto i ponti… Oggi sarebbe auspicabile un approccio più articolato.

Spoiler

Proprio non si capisce il senso di chiamare il protagonista a lavorare su un progetto che, alla fine, si rivela essere già stato ampiamente superato. Né si comprende la decisione di tenere nascosto tale superamento proprio a chi dovrebbe risolvere i problemi rimasti insoluti.
Se non per esigenze di trama. Ma quando le esigenze di trama superano la coerenza della storia, il tutto diventa forzato.

Conclusione

La fantascienza europea soffre ancora dell'ansia da allegoria, della sindrome del "messaggio a tutti i costi", cadendo come al solito del polpettone didascalico. Peccato, perché dalle premesse poteva venirne fuori un gioiellino. Comunque da vedere.

EVA - Film del 2011

Share this post

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn