20220415 Recensione

 (…) Insomma questa multisensorialità mi piace un sacco, e guarda che per me è un’eccezione, io sono una lettrice classica, che ama il librone a cui danno fastidio anche le figure.
Comunque si sente che sei un musicista a prescindere… si sente nella musicalità del testo e nell’orchestrazione della costruzione… e negli infiniti riferimenti e aggettivi musicali. Mi piace anche la lingua, che non rincorre niente e non si fa sedurre da nessun incantatore di moda.  (…)
 
Simonetta Fanelli
(col permesso dell’autrice)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.